23 dicembre 2011

YMCA – Village People

  • YMCA – Village People
  • Anno di uscita: 1978
  • Etichetta:?***

La canzone non è una celebrazione musicale della Young Men’s Christian Association ma al contrario ne è uno scherno; nel testo si fa inoltre riferimento all’abitudine, comune fra gli uomini omosessuali nell’epoca pre-Stonewall, di frequentare le palestre annesse agli ostelli, frequentatissime dai giovani proletari, come luoghi di approccio e incontro a scopo sessuale. La canzone si rivolge infatti a un giovane uomo (“young man”), che viene invitato alla YMCA per scoprirne le gioie.

Come in tutte le canzoni dei Village People, che pur essendo nati all’interno della cultura gay evitavano di trattare esplicitamente il tema dell’omosessualità, anche in questo caso il tema è affrontato per mezzo di doppi sensi e allusioni maliziose, tali da suonare innocenti per coloro che non fossero a conoscenza della valenza omosessuale che aveva la frequentazione di quelle palestre. Il doppio senso è particolarmente evidente nei versi You can do… whatever you feel! (puoi fare tutto quello che senti), You can hang on with all the boys (puoi andare in giro con tutti i ragazzi), No man does it all by himself (nessun uomo fa tutto da solo).

Superdiscodance.com – La disco music che hai ballato negli anni ’70 e ’80

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>